OMEGA 3 6 9: MEGLIO VEGETALI O ANIMALI? COSA DICE LA SCIENZA!

OMEGA 3 6 9: MEGLIO VEGETALI O ANIMALI? COSA DICE LA SCIENZA!

Ne sentiamo parlare spesso, sappiamo che assumerli in maniera equilibrata, attraverso cibi o integratori, sia fondamentale per mantenere uno stato di benessere ottimale.

Omega 3 6 9

COSA SONO GLI OMEGA 3 6 9

Si tratta di tre tipi di lipidi, gli acidi grassi polinsaturi.
Nello specifico, gli Omega 3 e gli Omega 6, sono grassi definiti "essenziali", poiché non sintetizzabili dal corpo umano, ma essendo indispensabili alla salute, devono essere introdotti mediante l’alimentazione.
A differenza dei precedenti, gli Omega 9, rientrano in quella categoria di elementi che l’organismo riesce a produrre, partendo da altri tipi di grassi.
Il più importante di questi è l’acido oleico, che si trova abbondantemente, ad esempio, nell’olio di oliva.

Questi grassi sono vitali perché hanno almeno tre funzioni molto importanti:

  • Servono per la creazione degli ormoni
  • Costituiscono le membrane cellulari
  • Producono energia

IN QUALI CIBI SI TROVANO GLI OMEGA 3 6 9

Gli Omega 3 sono presenti in natura in tre forme:

  • Acido alfalinolenico o ALA: si trova negli ortaggi a foglia verde, nei semi di soia e di lino.
  • Acido eicosapentaenoico o EPA: presenti principalmente nell’olio di fegato di merluzzo, nello sgombro, nelle aringhe e nel salmone.
  • Acido docosaesaenoico o DHA: contenuto nello sgombro, nell’olio di pesce e in alcuni tipi di alghe.

   
Gli Omega 6 si trovano un po’ dappertutto, dai cereali alla carne, fino ai legumi o in qualsiasi prodotto confezionato al supermercato.
Le fonti più abbondanti sono gli oli vegetali: di mais, oliva, arachidi, di girasole, soia e così via.

Gli Omega 9 si trovano sia in grassi di origine animale che in grassi di origine vegetale, comunemente utilizzati nell'industria alimentare, si trovano frequentemente sotto forma di acido oleico, uno dei principali componenti dell’olio di oliva di acido erucico, che si estrae dall'olio di colza e che a dosaggi elevati può essere cardiotossico, e di acido nevronico.

Omega 3 6 9

QUANTI OMEGA 3 E 6 DEVO ASSUMERE

Gli Omega 3 hanno funzione generalmente antinfiammatoria, mentre gli Omega 6 hanno un'azione sulla risposta infiammatoria dell’organismo. Proprio per questo motivo, è molto importante assumere questi elementi in una giusta proporzione.
Il rapporto ideale dovrebbe essere di 4:1. Ciò significa che più Omega 6 si consumano, tanto più si avrà bisogno di integrare Omega 3. 
Purtroppo, nelle diete occidentali c'è un abuso di cibi ricchi di Omega 6 (presente, ad esempio, anche nel famoso olio di palma), e invece scarseggiano gli alimenti che contengono Omega 3, arrivando persino allo sbilancio di 10:1.

Ne deriva quindi che la scarsità, o lo squilibrio di grassi Omega, porti a fastidiose problematiche, molte di esse legate alla condizione d’infiammazione cronica.

Effetti specifici di ALA, EPA E DHA:   
ALA 

  • Riveste grande importanza nella formazione e nel mantenimento del tessuto nervoso e oculare
  • Ha funzione antiaggregante, fluidificante e vasodilatatoria
  • Ha una funzione positiva sulle patologie metaboliche
  • Ha una funzione protettiva sugli eventi cardio-celebro-vascolari

 EPA   

  • Contrasta i trigliceridi.
  • Ha azione antitrombolica per il contrasto con l’aggregazione piastrinica.
  • Ha effetto antiaritmico perché stabilizza il ritmo cardiaco e abbassa il rischio di infarto.
  • ha azione antinfiammatoria.

DHA

  • Contrasta i trigliceridi.
  • Ha azione antipertensiva.
  • Ha azione antinfiammatoria.
  • Migliora i sintomi della depressione.

Le funzioni principali che svolge l'acido alfa linolenico sono legate al ruolo dei suoi derivati EPA e DHA.
Ecco infine alcune delle 60 malattie d’interesse medico, messe in relazione con una carenza di Omega 3, il cui fabbisogno, in un soggetto adulto sano, si aggira attorno a 1-1.5 grammi:

  • Stanchezza perenne
  • Depressione
  • Arresto della crescita
  • Patologie cardiovascolari e gastrointestinali
  • Disturbi della pelle, unghie e capelli
  • Formazione di acne
  • Alzheimer
  • Obesità
  • Tumori

IL CONSIGLIO DEL NATUROPATA MAURIZIO AMATO

Visto quanto ho scritto sopra a mio parere l’assunzione contemporanea delle tre tipologie di omega, 3 6 9, dovrebbe essere riservata soltanto alle pochissime e rare persone che realmente riescano a bilanciare gli alimenti in modo tale da rispettare quel famoso rapporto descritto in precedenza (cosa a parer mio rarissima da raggiungere).

In generale il mio consiglio è di integrare soltanto con un buon integratore di omega 3.

Come riconosco un buon integratore di omega 3?

Come prima cosa deve avere una buona quantità di epa-dha, almeno 600 mg per opercolo.

Deve contenere la Vitamina E che serve ad evitare l’ossidazione degli omega.

Omega Antiox, a questo proposito, contiene 1 grammo di epa-dha per opercolo, contiene inoltre vitamina E, vitamina D, ma soprattutto, acido alfa lipoico. L’acido alfa lipoico è un potente antiossidante e risulta eccezionale nel favorire il corretto metabolismo dei carboidrati.

Antiossidanti e altre protezioni sono necessari a garantire che l’olio di pesce non si ossidi e diventi rancido nell’ organismo.

Si, ma quale pesce?

L’olio di fegato di merluzzo non è consigliabile a causa dei rapporti problematici di vitamine A e D.

La mia scelta quindi è sull’ olio di salmone: contiene una naturale ed equilibrata ricchezza del giusto rapporto EPA/DHA e inoltre contiene il potentissimo antiossidante astaxantina, che è un flavonoide di fonte marina che crea un legame speciale con l’ Omega-3 per consentire il metabolismo diretto degli antiossidanti, rendendoli più biodisponibili. Inoltre ha un bassissimo livello di metalli pesanti. 

Capite bene che questo prodotto è una vera BOMBA!

 

Benessere omega antioxy
Benessere omega antioxy è un integratore innovativo e completo per il benessere generale e la prevenzione, a base di omega 3 (EPA e DHA), con aggiunta di Acido Lipoico: potente antiossidante e regolatore del metabolismo dei carboidrati; Vitamina E: vitamina antiossidante; Vitamina D: fondamentale per il funzionamento del sistema immunitario e l’assimilazione del calcio.

 

ASSUNZIONE OMEGA ANTIOXY

Il mio consiglio è di assumere 3 opercoli al giorno, 1 prima di ogni pasto principale per almeno due mesi, per poi passare ad un opercolo al giorno per i successivi 6 e ripetere nuovamente i due mesi (potreste, se ritenete, anche mantenere sempre i 3 opercoli al giorno come io stesso faccio).

DIFFERENZE TRA OMEGA 3 VEGETALI E OMEGA 3 MARINI

Esistono diverse tipologie di acidi grassi omega 3.

A seconda della fonte li distinguiamo in omega 3 vegetali (ALA), e animali (EPA e DHA):

  • Acido alfa-linolenico (ALA)
  • Acido eicosapentaenoico (EPA)
  • Acido docosaesaenoico (DHA)

Dove si trova l’omega 3 ALA?

Esclusivamente in alimenti vegetali (omega 3 vegetali), come semi di lino, noci, mandorle, olio di soia e colza.

EPA e DHA, invece, sono acidi grassi non essenziali. Ciò significa che il tuo copro è in grado di fabbricarseli da solo, a partire dall’acido alfa linolenico. EPA e DHA sono la forma attiva di omega 3!

Dove si trovano gli omega 3 EPA e DHA?

Pesce grasso come salmone, tonno, sgombro e sardine sono cibi ricchi di omega 3, ma anche frutti di mare, tuorlo d’uovo e fegato.

Come fonte di omega 3 sono più validi i semi di lino o l’olio di pesce?  Sono meglio omega 3 vegetali o animali?

Alimenti vegetali come noci, mandorle e semi di lino sono l’unica fonte di omega 3 apportano buoni quantitativi di acido alfa linolenico (ALA), che è la forma di omega 3  MA INATTIVA: per dare benefici deve essere attivato. Il nostro corpo è in grado di convertire gli acidi grassi omega 3 vegetali (ALA) nella loro forma attiva (EPA e DHA), ma la resa è bassissima (5% per EPA e 0,5% per DHA)!

Ciò significa che assumere omega 3 esclusivamente da fonti vegetali come i semi di lino non può permetterti di coprire le richieste giornaliere.

Gli omega 3 derivati dal consumo di pesce, acido docosaesaenoico e acido eicosapentaenoico (EPA e DHA), sono più efficienti trovandosi già nella loro forma attiva e possono essere subito utilizzati dalle nostre cellule.

Omega 3

Numerosi studi scientifici evidenziano che l’integrazione nutrizionale con l’olio di pesce rimane la soluzione migliore per soddisfare il tuo fabbisogno giornaliero di omega 3.

 

Maurizio Amato Naturopata

Maurizio Amato
Esperto di alimentazione, piante curative ed integratori alimentari. Formulatore della linea di integratori di Erboristeria Binasco, ideatore del Programma Benessere,  ha scritto diversi ebook ed è relatore saltuario di articoli sulla salute per riviste specializzate.

 

Lascia un commento

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione prima della pubblicazione