Quali Sono I Rimedi Contro L'invecchiamento della pelle

Invecchiamento della pelle: Cos’è la pelle

La pelle è l'organo umano di più ampie dimensioni, copre un'area di circa due metri quadri e può pesare fino a 10 kg. Funge da barriere protettiva nei confronti dell'ambiente esterno e mantiene l'omeostasi interna.

Invecchiamento della pelle: Come è composta la pelle

La pelle, o cute, è un tessuto continuo, appartenente all'apparato tegumentario. E' composta da tre strati principali che, dall'esterno verso l'interno, assumono il nome di: epidermide, derma e ipoderma (o strato sottocutaneo). La cute è formata da:

  • un epitelio (cellule epiteliali) chiamato EPIDERMIDE
  • da un tessuto connettivo (cellule elastiche e di collagene) chiamato DERMA
  • da un tessuto adiposo che prende il nome di sottocutaneo o IPODERMA.

Dalla superficie in profondità la cute è costituita da: epitelio (epidermide), tessuto connettivo (derma) ed infine tessuto adiposo (ipoderma o sottocutaneo). Nel derma e nell'ipoderma sono contenuti i cosiddetti annessi cutanei (peli, unghie, ghiandole sebacee e sudoripare), vasi, nervi.

Come è fatta l’epidermide?

Partendo dalla porzione profonda verso la superficie si possono riconoscere 5 strati distinti:

  • basale o germinativo
  • spinoso
  • granulare o granuloso
  • lucido
  • corneo: a contatto con l’esterno

Invecchiamento della pelle

Che funzione ha la pelle?

La principale funzione dello strato corneo della pelle è quello di fare da barriera protettiva contro i microrganismi patogeni e le sostanze chimiche. Da una parte controlla la perdita di materiale biologico verso l’esterno e dall’altra l’entrata di sostanze estranee.

La pelle poi ha anche la funzione di regolazione della temperatura corporea: quando la pelle è esposta al freddo, i vasi sanguigni del derma si contraggono e conservano il calore all'interno del corpo.

Cosa succede alla pelle di notte?

La nostra pelle si rinnova ogni notte, seguendo quattro fasi notturne per una rigenerazione totale. L'organismo segue un orologio interno e un ciclo chiamato "ritmo circadiano" che prevede per le ore di buio un turn over cellulare e una conseguente rigenerazione cutanea.

Durante la notte la pelle si 'restaura', attivando la produzione di collagene ed elastina, sostanze fondamentali per un viso giovane. Inoltre durante il sonno ristoratore, la pelle è più ricettiva ai trattamenti cosmetici e, nella fase Rem, i meccanismi di auto-riparazione cutanea sono accelerati.

Da qui l’importanza di un buon sonno anche come prevenzione dei segni di invecchiamento: chi dorme bene ha sicuramente un invecchiamento meno precoce.

Invecchiamento precoce della pelle: Cosa danneggia la pelle?

Uno stile di vita scorretto con molto stress, mancanza di sonno, ma anche abitudini errate come:  fumare, bere alcolici o seguire un'alimentazione non equilibrata priva di sostanze antiossidanti, minerali e vitamine, danneggia la pelle causando invecchiamento precoce.

Infine non dimentichiamo i danni solari indotti dai raggi UV che vanno a sommarsi ad inquinamento, smog e radiazioni blu dei dispositivi.

Per questo è importante usare sempre una protezione anche nella quotidianità:

Siero proteggo
Prezioso siero viso antiage e antiossidante che scherma 5 volte, con spf30. Bnatur ha scelto filtri di ultima generazione, considerati i migliori sul mercato, riconosciuti come i più tollerati dalla nostra pelle ed ammessi anche nei paesi con legislazioni più restrittive come l'Australia perchè non provocano danni alla salute dell'uomo e all'ambiente. Previene e distende le rughe, ad azione antiossidante e pluriprotettiva: UVA, UVB, IR (infrarossi), LUCE BLU (hev) e INQUINAMENTO. Adatto a tutti i tipi di pelle.

 

Quando si rinnova la pelle?

Il rinnovamento epiteliale avviene circa ogni 28 giorni : ogni 3-4 settimane, infatti, cambiamo completamente lo strato superficiale della pelle (l'epidermide).

In pratica, ogni minuto, 30 mila cellule muoiono per essere sostituite da nuove. Questo ricambio è assicurato dal continuo processo di crescita dell'epidermide, dall'interno verso l'esterno, ma in aiuto a questo processo è molte volte necessario effettuare scrub e peeling allo scopo di eliminare tutto questo materiale che si deposita sul viso. Importante quindi per una bella pelle un’ottima detersione ed un’esfoliazione profonda ma delicata con un prodotto multifunzione come ESFOLIA.

Esfolia

Una maschera a tripla azione per esfoliare il tuo viso. Una meravigliosa formula che donerà al tuo viso luminosità grazie ai suoi attivi enzimatici, meccanici e chimici. Delicato e adatto a tutti i tipi di pelle, vi stupirà.

 

Quanto è il PH della pelle?

ll pH della pelle si attesta a valori fisiologici leggermente acidi, normalmente compresi tra 4.2 e 5.6, con punte fino alla neutralità. L'ampiezza di questo intervallo è spiegabile sulla base dei moltissimi fattori capaci di influenzare il pH cutaneo.

Il grado di acidità della pelle riconosce, infatti, un certo grado di variabilità intra- ed interindividuale: il pH cutaneo varia ad esempio sulla base della regione corporea considerata e dipende da una serie di fattori sia di natura endogena che di natura esogena. L’argomento è molto ampio ma possiamo di seguito vedere una lista generale con le variazioni del ph in base al distretto cutaneo considerato:

  • Cuoio capelluto 4,0
  • Cosce, gambe, Caviglie 4,5
  • Tronco 4,7
  • Viso 4,7
  • Plica anale 4,8
  • Dorso delle mani 4,9
  • Plica mammaria 6,0
  • Plica inguinale 6,2
  • Ascelle 6,5
  • Spazio interdigitale del piede 7,0

Cosa mangiare per una bella pelle, alimentazione e pelle

Agrumi, kiwi, mango, zucca, carote, albicocche, fragole, peperoni, pomodori, verdure a foglia verde (spinaci, broccoli, cavoli, carciofi, basilico, asparagi) sono tra i cibi più ricchi di vitamina C, che stimola la produzione di collagene, una molecola che interviene nella riparazione dei tessuti ed evita il “rilassamento” cutaneo.

Cibi con azione antiaging  e quindi che contrastano il processo di ossidazione dei radicali liberi sono inoltre : semi di chia, semi di lino, pesce azzurro ricco di omega 3, frutta secca ricca di zinco e rame, bacche di goji, avocado.

Gli antiossidanti sono delle sostanze che contrastano il processo di ossidazione a cui sono poste le cellule a causa dei radicali liberi e aiutano a rinnovarle per sostituire quelle cellule che ormai sono danneggiate. Fra i principi attivi utili al corpo umano per contrastare i radicali liberi si trovano: il selenio, lo zinco, il cromo, la vitamina A, le vitamine del gruppo B, la vitamina C e la vitamina E.

Da non dimenticare di bere ogni giorno almeno due litri d’acqua 

PELLE DEL VISO INVECCHIATA: QUALI CIBI EVITARE

Alcuni alimenti che consumiamo però possono influire negativamente sulla salute della nostra pelle, conferendogli un aspetto malsano, spento, con imperfezioni e infiammazioni. Uno studio italiano, presentato al Winter Academy of Deramatology e Oncology, sostiene che un’alimentazione ricca di zuccheri composti, merendine, dolciumi e così via, favorisce l’aumento dei radicali liberi nel tessuto cutaneo, fino a raddoppiarne la quantità, provocando la rottura del collagene e dell’elastina.

È bene perciò limitare il consumo di fritti, bevande zuccherate, prodotti industriali, merendine, piatti pronti, alimenti precotti e surgelati. Da questi si attingono, infatti, un eccesso di sale, grassi “cattivi” e idrogenati, additivi e zuccheri. È preferibile, inoltre, scegliere alimenti biologici per evitare alimenti che contengano ormoni aggiunti.

La carne rossa è un alimento ricco di carnitina, una sostanza che irrigidisce i vasi sanguigni e provoca un precoce invecchiamento della pelle e disidratazione.

Un eccessivo consumo di caffè ha un’azione negativa sulla pelle poiché stimola la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress, che accelera il processo di invecchiamento.

Va bene un bicchiere di vino, ma è consigliabile evitare i cocktail. L’unione di alcool e zucchero incide negativamente sull’indice glicemico favorendo i disturbi cutanei e comporta anche una disidratazione e una perdita di tonicità della pelle. I possibili danni al fegato possono portare anche a un accumulo delle tossine all’interno dell’organismo e ciò renderà la pelle spenta e opaca.

Dunque, vi basterà fare attenzione agli alimenti della vostra dieta quotidiana per garantire alla vostra pelle freschezza, benessere ed elasticità!

Perché si invecchia?

Come accennato, l'invecchiamento cutaneo è un processo fisiologico del tutto naturale e inevitabile che interessa tutti gli individui.
Le modificazioni strutturali cui la cute va incontro con lo scorrere del tempo sono causate da una serie di fattori di diversa origine.
Nel dettaglio, si può affermare che tali modificazioni sono provocate da due forme di invecchiamento:

  • L'invecchiamento intrinseco - cronologico - che dipende sostanzialmente da fattori genetici (o intrinseci);legato all’età, inizia a partire dai 25 anni e comporta una serie di modificazioni che portano ad assottigliamento e cedimento della struttura cutanea nel tempo.
  • L'invecchiamento cutaneo estrinseco - o da fattori ambientali - provocato da fattori esterni (fattori estrinseci) causato da aggressioni di agenti esterni, radiazioni UV (fotoinvecchiamento), fumo, alcool, inquinamento, alimentazione scorretta, poca cura della pelle.

Quale tipo di pelle invecchia prima?

La pelle secca è soggetta più velocemente ai segni di invecchiamento, soprattutto rughe precoci. Più che invecchiare prima sarebbe più corretto dire che la pelle secca mostra prima i segni del tempo. La cute sottile e poco elastica tende infatti a segnarsi più profondamente e dimostrare quindi più anni di quel che realmente possiede. Nelle donne inoltre, questa caratteristica sembra essere più marcata e anche le rughe di espressione sono molto precoci.

Cosa bisogna fare per non invecchiare precocemente?

Oltre a una dieta sana ed equilibrata possono costituire un validissimo aiuto per contrastare l'invecchiamento precoce e restare giovani:

  • esposizione con filtri protettivi anche contro le blue radiance e l’inquinamento
  • automassaggi al viso con tecniche antiage specifiche
  • cosmetici di buona qualità e idonei alla tipologia di pelle
  • integratori a base di sostanze che lavorino su elasticità e tono
  • dormire un numero sufficiente di ore
  • non dormire a faccia in giù
  • non fare una vita stressante

Il mio consiglio:

Sicuramente per ritardare gli effetti del tempo sulla propria pelle, adottare uno stile di vita sano con un buon sonno e un’alimentazione sana e povera di cibo spazzatura, è la prima cosa.

Molto importanti i massaggi al viso che, se ben fatti, aiutano i muscoli a riacquistare tono ed elasticità insieme all’assunzione di integratori specifici. LEGGI L’ARTICOLO sugli integratori per la pelle.

 Revolution pelle

REVOLUTION PELLE è un integratore che previene e minimizza nel tempo le rughe dall'interno. E' il tuo alleato antiage ricco degli antiossidanti più efficaci e di attivi utili a stimolare la sintesi di collagene ed elastina che renderà la pelle più tonica, levigata, idratata donando turgore e compattezza per una pelle radiosa.

Come sempre, anche in questo caso, va fatto un lavoro a 360 gradi per ottenere davvero risultati visibili.

 

Limea revolution

 

 Se vuoi una skincare e consigli personalizzati scrivi al 3440444879

 

 

Elisa Santangelo

Elisa Santangelo Founder linea cosmetica Bnatur
Erborista, fitoterapeuta, floriterapeuta,
esperta in dermocosmesi e massaggio viso

 

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI:
Instagram: naturopataimperfetto
Instagram: erboristeria_binasco
Instagram: bnatur_bio
Facebook: Erboristeria Binasco
Gruppo chiuso facebook: Erboristeria Binasco - Il naturopata risponde
YouTube: https://www.youtube.com/channel/UC-Kv6lh8F9mpDJeGZKQ2ABQ

 

 

1 commento

Grazie Elisa
Delle info e dei consigli, . I prodotti li sto provando e sono molti buoni.

Sabrina 10 settembre 2022

Lascia un commento

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione prima della pubblicazione